I VINCITORI

1 CLASSIFICATO

AURA

2 CLASSIFICATO

BFIX

3 CLASSIFICATO

ZOÉ

Il CLab UniCa è un luogo di contaminazione tra diversi ambiti, che espone studenti, neolaureati e dottorandi ad un ambiente stimolante per lo sviluppo di progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale. L’obiettivo è quello di promuovere la cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione, l’interdisciplinarità e la diffusione di nuovi modelli di apprendimento. Ma la contaminazione non finisce qui, il CLab UniCa offre ai suoi partecipanti un network vastissimo, fatto di ricercatori, imprenditori, venture capitalist.

 

Con il CLab UniCa si promuove lo spirito imprenditoriale, coinvolgendo attivamente i giovani imprenditori in un percorso della durata di sei mesi orientato a scoprire il mondo dell’impresa, offrendo loro la possibilità di valorizzare idee e invenzioni, maturate grazie all’attività di ricerca e alle conoscenze acquisite all’interno del contesto universitario.

I 5 finalisti della #07edizione

Ecco i 5 finalisti del CLab UniCa di quest’anno nominati dalla giuria.

 

SCOPRI I PREMI


SCOPRI LA GIURIA

AURA

Aura nasce dall’unione tra Neuroscienze e Innovazione Tecnologica per la creazione di un dispositivo di stimolazione auricolare del nervo vago, in grado di trattare l’emicrania e gestire lo stress …

 

SCOPRI DI PIÙ

BFIX

Bfix vuole superare i limiti dell’odontoiatria moderna, grazie alla rigenerazione ossea magnetica. Propone infatti un kit personalizzato per la terapia della parodontite da fornire ai dentisti …

 

SCOPRI DI PIÙ

CAPAYE

Capaye è la prima Influencer TV al mondo. Nata per intrattenere la Generazione Z attraverso i suoi contenuti ricchi di messaggi positivi e motivazionali. Capaye crede nella forza dello storytelling, per connettere, affascinare e vendere …

 

SCOPRI DI PIÙ

CLAINT

Claint nasce agli inizi del 2020. L’idea di impresa si basa su un brevetto internazionale dell’Università di Cagliari, che consente la creazione di un composto fotocatalitico che riduce l’inquinamento indoor …

 

SCOPRI DI PIÙ

ZOÉ

Zoè è la startup che, basandosi sull’economia circolare, estrae carotenoidi dalla frutta in modo sostenibile. Durante il processo non sono utilizzati solventi chimici e si ottengono tre molecole dall’elevata purezza in grandi quantità …

 

SCOPRI DI PIÙ

L’Italian CLab Network è un “incubatore di CLab” che raccoglie al suo interno e mette in connessione i Contamination Lab di tutta Italia. Il suo obiettivo principale è quello di creare un vero e proprio ecosistema di Contamination Lab, in cui i singoli vengano valorizzati all’interno di progetti di portata nazionale. La sfida è quella di creare una rete nazionale che stimoli le creazione di nuovi CLab sul territorio che contribuiscano alla creazione di un ecosistema imprenditoriale a partire dalle aule universitarie.

 

Il Network, oltre che per la diffusione della mentalità imprenditoriale, si pone in prima linea per lo sviluppo di sinergie tra startup, aziende, mondo pubblico e privato, territorio e istituzioni, a livello locale e nazionale.

 

SCOPRI I PREMI SCOPRI LA GIURIA

INNOIS

www.innois.it

Fondazione di Sardegna

www.fondazionedisardegna.it

Coldiretti

www.coldiretti.it

Netval

netval.it

PNICUBE

www.pnicube.it

Ambasciata Americana

it.usembassy.gov/it

Ente Nazionale Sordi

www.ens.it

IntendiMe

www.intendime.com

IL PROGRAMMA

CLAB UNICA

Il CLab UniCa è un luogo di contaminazione tra diversi ambiti, che espone studenti, neolaureati e dottorandi ad un ambiente stimolante per lo sviluppo di progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale. L’obiettivo è quello di promuovere la cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione, l’interdisciplinarità e la diffusione di nuovi modelli di apprendimento. Ma la contaminazione non finisce qui, il CLab UniCa offre ai suoi partecipanti un network vastissimo, fatto di ricercatori, imprenditori, venture capitalist.

 

Con il CLab UniCa si promuove lo spirito imprenditoriale, coinvolgendo attivamente i giovani imprenditori in un percorso della durata di sei mesi orientato a scoprire il mondo dell’impresa, offrendo loro la possibilità di valorizzare idee e invenzioni, maturate grazie all’attività di ricerca e alle conoscenze acquisite all’interno del contesto universitario.

I 5 finalisti della #07edizione

Ecco i 5 finalisti del CLab UniCa di quest’anno nominati dalla giuria.

 

SCOPRI I PREMI  

 

SCOPRI LA GIURIA

Aura nasce dall’unione tra Neuroscienze e Innovazione Tecnologica per la creazione di un dispositivo di stimolazione auricolare del nervo vago, in grado di trattare l’emicrania e gestire lo stress …

 

SCOPRI DI PIÙ

Bfix vuole superare i limiti dell’odontoiatria moderna, grazie alla rigenerazione ossea magnetica. Propone infatti un kit personalizzato per la terapia della parodontite da fornire ai dentisti …

 

SCOPRI DI PIÙ

Capaye è la prima Influencer TV al mondo. Nata per intrattenere la Generazione Z attraverso i suoi contenuti ricchi di messaggi positivi e motivazionali. Capaye crede nella forza dello storytelling, per connettere, affascinare e vendere …

 

SCOPRI DI PIÙ

Claint nasce agli inizi del 2020. L’idea di impresa si basa su un brevetto internazionale dell’Università di Cagliari, che consente la creazione di un composto fotocatalitico che riduce l’inquinamento indoor …

 

SCOPRI DI PIÙ

Zoè è la startup che, basandosi sull’economia circolare, estrae carotenoidi dalla frutta in modo sostenibile. Durante il processo non sono utilizzati solventi chimici e si ottengono tre molecole dall’elevata purezza in grandi quantità …

 

SCOPRI DI PIÙ

CLAB NETWORK

L’Italian CLab Network è un “incubatore di CLab” che raccoglie al suo interno e mette in connessione i Contamination Lab di tutta Italia. Il suo obiettivo principale è quello di creare un vero e proprio ecosistema di Contamination Lab, in cui i singoli vengano valorizzati all’interno di progetti di portata nazionale. La sfida è quella di creare una rete nazionale che stimoli le creazione di nuovi CLab sul territorio che contribuiscano alla creazione di un ecosistema imprenditoriale a partire dalle aule universitarie.

 

Il Network, oltre che per la diffusione della mentalità imprenditoriale, si pone in prima linea per lo sviluppo di sinergie tra startup, aziende, mondo pubblico e privato, territorio e istituzioni, a livello locale e nazionale.

 

SCOPRI I PREMI

 

SCOPRI LA GIURIA

I PARTNER

INNOIS

www.innois.it

 

 

Fondazione di Sardegna

www.fondazionedisardegna.it

 

 

Coldiretti

www.coldiretti.it

 

 

Netval

netval.it

 

 

PNICUBE

www.pnicube.it

 

 

Ambasciata Americana

it.usembassy.gov/it

 

SCOPRI DI PIÙ

 

 

Ente Nazionale Sordi

www.ens.it

 

 

IntendiMe

www.intendime.com

Il tuo commento in diretta

Subscribe
Notificami
guest
28 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Cristina Marras

Ragazzi, io sono pronta (ed emozionata con e per voi). Anche da casa, è sempre un grande evento!

Matteo Emme

Chi ha realizzato il video trailer all’inizio della diretta?

mariapina lai

Sono pronta a seguire questo interessante evento

CLab

Ciao Matteo, i video trailer sono stati realizzati dai ragazzi dei Naked Panda!

Francesco Palmas

C’è un fastidioso ritorno nell’audio della diretta

CLab

Grazie per avercelo segnalato Francesco!

pia polo

Bravi bravi. Buona fortuna

mariapina lai

interessante progetto

A. C

Lo streaming funziona male. Potete risolvere

CLab

Ciao A.C, non rileviamo problemi tecnici, purtroppo il malfunzionamento della diretta streaming potrebbe dipendere dalla tua connessione

Giulia Piu

Bravissimi tutti, complimenti!

Denise Murgia

Lollipop non riesce ad entrare nella stanza zoom!

Giuseppe Angellotti

Buonasera, noi del gruppo Lollipop siamo in attesa su Zoom ma non riusciamo ad entrare

CLab

Grazie per avercelo segnalato Denise!

CLab

Grazie per avercelo segnalato Giuseppe, stiamo risolvendo il problema tecnico e presto potrete accedere. Vi ricordo di accedere alla stanza Zoom con il vostro nominativo.

Enrico Scalas

che streaming pessimo!

Alberto Palmas

Streaming, collegamenti e scaletta vergognosi. Peccato per i partecipanti, non hanno trovato il sostegno che meritavano.

CLab

Ciao Enrico, ci dispiace per la tua esperienza, purtroppo la qualità della diretta streaming può dipendere dalla qualità della tua connessione internet, noi non rileviamo alcun problema tecnico nel visualizzare la diretta

Francesca Falcone

Salve, io e il mio collega del team Move classificato tra i primi 3 non riusciamo ad effettuare l’accesso su zoom. Potreste accettare la nostra richiesta per favore? Grazie.

Luigi di lella

Bella e brava, grande chiara

Cristina Marras

Grande Marco super coach! 🙂

maria pina lai

Siete bravissimi è un grande evento

CLab

Ciao Francesca, grazie per avercelo segnalato, presto potrete accedere alla stanza dedicata con i vostri colleghi di Move

Maria Antonietta De Luca

Grande evento!

Matteo Angioni

Congratulazioni ai vincitori 🥳

Maria Grazia Cocco

Complimenti a TUTTI!

Tiziana Candiloro

Stessa emozione anche a distanza. Inizio molto divertente. CLab Caglairi siete un team fortissimo! Bravissima e instancabile anche la vostra traduttrice LIS

CLab

Caro Alberto, come tutte le cose innovative ha certamente tanto da migliorare. Abbiamo messo tutta la passione e l’impegno necessari per realizzare un evento che potesse dare risalto ai ragazzi dei Contamination Lab di tutta Italia e sostenerli nel loro percorso imprenditoriale. Purtroppo abbiamo riscontrato alcuni problemi tecnici che sono quasi fisiologici negli eventi realizzati online. Lavoreremo ancora per poterci migliorare e realizzare una finale ancora più innovativa.

28
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x

PREMI CLAB UNICA

 

PRIMO PREMIO € 7.000,00

Offerti da:

Fondazione di Sardegna

Banco di Sardegna

Secure solution

2 mesi di incubazione presso The Net Value

 

SECONDO PREMIO € 5.000,00

Offerti da:

Fondazione di Sardegna

Banco di Sardegna

 

TERZO PREMIO € 4.000,00

Offerti da:

Fondazione di Sardegna

Banco di Sardegna

 

PREMIO SPECIALE AMBASCIATA AMERICANA $ 2.500,00 US

(scelto dall’ambasciata tra i 5 finalisti)

 

 

Giuseppe Cuccurese

Con oltre quarant’anni di esperienza nel settore bancario è oggi Direttore Generale del Banco di Sardegna spa sin dal 2012.

 

Anna Amati

Fondatrice e Vice Presidente di Meta Group. Citata da Wired tra le dieci donne italiane più innovative del 2015 e vincitore del premio internazionale “techno-visionarie, sezione finanza 2016”. Da gennaio 2018 è uno dei cinque esperti valutatori italiani, tra gli 84 europei, del programma Horizon2020 SME Instrument phase 2.

 

Francesca Natali

Oltre 15 anni di esperienza nella gestione di fondi di capitale di rischio in Italia e all'estero, ha lavorato per la Commissione europea e altri importanti donatori internazionali (BEI) ed è oggi Fund Manager in Meta Venture spa.

 

Sara Lovato

Con una vasta esperienza nel campo delle startup, è stata capo dell'unità “Acceleration and Operation - Legal Affairs Unit” di una società di innovazione dedicata al trasferimento di tecnologia ed è oggi Investment Manager di United Ventures.

 

Nicola Redi

Uno dei venture capitalist più attivi in Italia è oggi Managing Partner di Venture Factory, responsabile del trasferimento tecnologico di investimenti in capitale di rischio.

 

Gianluca Dettori

Fondatore di dPixel e Presidente di Primomiglio SGR, società di venture capital tecnologico con all'attivo il fondo di early stage tecnologico Barcamper Ventures.

 

Carlo Mannoni

Membro del Consiglio per le Relazioni tra Italia e Stati Uniti – Young Leaders Program dal 1999 e del Marshall Memorial Fellowship Program dal 2005, è oggi Direttore Generale della Fondazione di Sardegna sin dal 2015.

 

Cristiana Vignoli

Oltre 20 anni di esperienza nel trasferimento tecnologico, oggi direttore dell’incubatore-acceleratore di Fondazione Golinelli, il G-factor.

 

Manuel Castriotta

Ricercatore all’Università degli Studi di Cagliari, la sua ricerca in ambito organizzativo e del management dell’innovazione si focalizza sulla creatività imprenditoriale, educazione all’imprenditorialità e sui processi di cognizione collettiva.

 

 

Aura nasce dall’unione tra Neuroscienze e Innovazione Tecnologica per la creazione di un dispositivo di stimolazione auricolare del nervo vago, in grado di trattare l’emicrania e gestire lo stress. Il Vagus è uno dei più importanti nervi del sistema nervoso autonomo e aiuta a regolare l’attività dei principali organi del nostro corpo. Aura è dotata di un generatore e speciali cuffie che emettono impercettibili impulsi elettrici che stimolano il nervo vago, in base ai bisogni della persona.

 

Federica Donno, CEO di Aura, è una Psicologa, PhD in Neuroscienze e ricercatrice all’Università di Cagliari. Gestisce la parte di validazione del prodotto e cura i rapporti lavoratori con i ricercatori che supportano il team, suddividendo le task per ogni componente del team.

Roberto Pianu, CTO della startup, è laureato in Ingegneria meccanica con specializzazione in controlli automatici e implementazione di algoritmi. All’interno di Aura si occupa dello sviluppo hardware e della gestione del progetto per la realizzazione del software.

Sara Cocco invece è la CMO di Aura. Laureata in Scienze della comunicazione, si occupa della parte comunicativa e grafica, ricoprendo un ruolo mediano tra i vari componenti del team.

Giovanni Granara infine è il CFO della startup. Studente di Economia e Gestione Aziendale all’Università di Cagliari, all’interno di Aura spende le competenze acquisite nell’ambito della ragioneria e dei numeri con i quali lavora.

Bfix vuole superare i limiti dell’odontoiatria moderna, grazie alla rigenerazione ossea magnetica. Propone infatti un kit personalizzato per la terapia della parodontite da fornire ai dentisti, composto da un gel a base di un bio-materiale brevettato, l’idrossiapatite magnetica, capace di accelerare la formazione di nuovo tessuto osseo, una mascherina dotata di magneti da applicare in prossimità della zona e un software di calcolo per determinare la posizione più efficace per i magneti.

 

Martina Portas, CEO di BFix, è una dentista specializzata. All’interno della startup si occupa del coordinamento dei processi produttivi e gestionali.

Diego Garau, CFO della startup e prossimo alla doppia laurea italo tedesca in Economia, dirige l’aspetto finanziario.

Rita Saiu, CPO, è studentessa di Ingegneria biomedica con un ruolo fondamentale all’interno della startup grazie alle sue competenze maturate attraverso lo studio dei materiali.

Matteo Francesco Manca infine futuro dentista è a capo della ricerca e sviluppo della startup.

Capaye è la prima Influencer TV al mondo. Nata per intrattenere la Generazione Z attraverso i suoi contenuti ricchi di messaggi positivi e motivazionali. Capaye crede nella forza dello storytelling, per connettere, affascinare e vendere. Produce contenuti originali in partnership con micro-influencer, distribuiti online settimanalmente per fidelizzare il pubblico, e con brand per promuovere i loro valori. Un nuovo modello di business di creativi e pubblicitari.

 

Lorenzo Melini, CEO della startup. Laurea triennale in Drama & Performance alla LSBU (Londra), si occupa delle attività di marketing e acquisizione clienti e sovrintende la direzione creativa.

Davide Carnevale è il COO di Capaye. Laurea magistrale in International Management (UniCa), si occupa della pianificazione strategica, delle attività finanziarie e di project management.

Mario Pace, CTO, Laurea triennale in Informatica (UniCa) si occupa della grafica e del dipartimento di Ricerca e Sviluppo.

Claint nasce agli inizi del 2020. L’idea di impresa si basa su un brevetto internazionale dell’Università di Cagliari, che consente la creazione di un composto fotocatalitico che riduce l’inquinamento indoor. Reso in forma di vernice Claint attiva un effetto di autopulizia e purificazione dell’aria sfruttando l’intero spettro luminoso, a differenza dei competitor che sfruttano solo la componente UV. L’obiettivo è quello di creare un prodotto innovativo che possa migliorare gli ambienti in cui viviamo.

 

Carlo Usai è il CEO della startup. Studente di Economia e Amministrazione aziendale, all’interno di Claint ricopre il ruolo di Project manager e responsabile dell’organizzazione operativa.

Sonia Cocco, CMO di Claint, è laureata in Management e Monitoraggio del Turismo Sostenibile. Si occupa delle analisi di mercato e della gestione dei social media, grazie all’esperienza maturata nel settore del marketing, dell’amministrazione e della contabilità.

Tommaso Murgia è CIO di Claint. Laureato in Scienze filosofiche, cura la parte grafica del sito web, gestisce il blog e tutte le informazioni legate all’ambito specifico del progetto.

Paolo Virdis è CLO della startup. Laureato in Giurisprudenza, si occupa degli aspetti legali della startup e non da ultimo gestisce le collaborazioni esterne.

Stefania Porcu infine è CTO della startup. Laureata in Scienze Chimiche e dottoranda in Fisica, è co-inventrice della tecnologia fotocatalitica utilizzata da Claint e responsabile delle attività di laboratorio.

Zoè è la startup che, basandosi sull’economia circolare, estrae carotenoidi dalla frutta in modo sostenibile.
Durante il processo non sono utilizzati solventi chimici e si ottengono tre molecole dall’elevata purezza in grandi quantità: luteina, capsantina e capsorubina. È già stato realizzato il prototipo a partire da peperoni invenduti, che sono stati così recuperati. Le applicazioni delle molecole spaziano dal campo nutraceutico, al farmaceutico, al cosmetico, nelle nanotecnologie, nell’alimentazione e nella mangimistica.

 

Irene Locci è la CEO di Zoè. Studia International Business and Management e si occupa di tutti gli aspetti finanziari ed economici del progetto.

Luca Iesu, COO, è uno studente di Biologia. Il suo ruolo all’interno della startup è fondamentale per le competenze acquisite nel campo dei vegetali. Ma inoltre grazie all’esperienza maturata nel settore del video making gioca una parte importante nell’ideazione e realizzazione della parte grafica del progetto.

Francesco Congiu è il Project Manager di Zoè. Studia Scienze politiche e all’interno della startup si occupa della parte comunicativa.

Marta Tanas, CTO della startup, studia biologia. Appassionata di fisiologia vegetale, è supervisor di tutte le attività, si occupa della parte tecnica del progetto e non da ultimo del sito web della startup.

PREMI ITALIAN CLAB NETWORK

 

PRIMO PREMIO € 2.000,00

Università degli Studi di Cagliari

IntendiMe/Venture Factor

 

PREMIO SPECIALE AMBASCIATA AMERICANA $ 2.500,00 US

(scelto dall’ambasciata tra i 3 finalisti)

 

 

Vladi Finotto, Ca’ Foscari CLab, Venezia

Delegato del rettore alla Proprietà intellettuale, autoimprenditorialità e trasferimento tecnologico presso l’università Ca’ Foscari di Venezia e co-direttore del Master in Cultura del Cibo e del Vino della Ca’ Foscari Challenge School.

 

Fabrizio Dughiero, C-Lab Veneto, Padova

Prorettore al trasferimento tecnologico ed ai rapporti con le imprese, presidente dell'incubatore di startup della Start Cube University, direttore di Startcup Veneto business plan competition e membro del board Netval.

 

Marcantonio Ruisi, CLab UniPa, Palermo

Delegato al coordinamento delle attività relative alla promozione di spin-off e startup innovative, Direttore del Contamination Lab UniPa e coordinatore nel 2019 di Start Cup Palermo e Sicilia.

 

Lucia Giacchetti, CLab UNIVPM, Ancona

Responsabile dell’Ufficio Placement e orientamento al lavoro e dell’Ufficio Trasferimento Tecnologico e Job Placement dell’Università Politecnica delle Marche.

 

Athos Capriotti, CLab UniTe, Teramo

Project Manager del Contamination Lab di Teramo e ricercatore senior presso l'Innovation Center di Intesa Sanpaolo, Neuroscience Lab.

 

Marta Pellegrino, CLab Unimore, Modena e Reggio Emilia

Project Manager del progetto TACC - Training for Automotive Companies Creation dell’Università di Modena e Reggio Emilia e consulente per la comunicazione del Contamination Lab Unimore.

 

Marco Galvagno, CLab Catania, Catania

Formatore e consulente in ambito marketing e start-up, responsabile del Contamination Lab Catania.

 

Andrea Luca Attanasio, CLab UniCaLab, Rende

Responsabile Liaison Office dell’Università della Calabria e Project Manager dell’UniCaLab.

 

Michela Loi, CLab UniCa, Cagliari

Ricercatrice dell’Università degli Studi di Cagliari, con focus sull'apprendimento organizzativo, l'organizzazione imprenditoriale, la creazione di nuova impresa e sulla relazione individuo-contesto nella generazione di cambiamento e innovazione.

 

Francesca Maria Cesaroni, UniUrb Lab, Urbino

Responsabile scientifico del CLab Uniurb e Direttore Scientifico del CRIMPI (Centro di Ricerca su Imprenditorialità e Piccole-Medie imprese) dell’Università di Urbino. Vice Presidente italiano dello European Council of Small Business and Entrepreneurship (ECSB).

 

Mario Salerno, HC.LAB, Bergamo

Project Manager dell’HC.LAB di Bergamo.

 

Adriano Marconetto, CLab Torino, Torino

Imprenditore seriale, CEO e Co founder di YAR srl.

 

Claudio Garavelli, DigiLab, Bari

Professore di Finanza, Controllo di Gestione e Business planning presso il Politecnico di Bari, è il direttore di Digilab, co-fondatore di Ingenium srl.

 

Claudio De Capua, CLab Reggio Calabria, Reggio Calabria

Responsabile Scientifico del Contamination Lab Reggio Calabria.

 

ITA

Le numerose agenzie del governo degli Stati Uniti che costituiscono la Missione lavorano in team per promuovere gli interessi americani e per promuovere le relazioni tra il governo e il popolo americano e italiano. Danno forma e intrattengono le relazioni americane con l'Italia, hanno un programma di diplomazia pubblica attivo, forniscono servizi consolari ai cittadini americani e servizi di visto a cittadini italiani e di altri paesi che desiderano visitare o emigrare negli Stati Uniti, infine promuovono il commercio e investimenti tra i nostri due paesi. Lavorano con la controparte italiana per proteggere interessi politici, economici e di sicurezza condivisi.

 

Gli Uffici degli Affari Pubblici accolgono le richieste del pubblico e della stampa su ogni aspetto degli Stati Uniti e lavorano per favorire la comprensione reciproca attraverso scambi di persone e idee e amministrando programmi educativi e culturali. Il Centro risorse informative di Roma fornisce servizi di riferimento e documentazione, utilizzando fonti stampate ed elettroniche.

ENG

The many agencies of the United States Government that constitute the Mission work as a team to advance American interests and promote relations between the American and Italian government and people. They shape and carry out American relations with Italy, have an active public diplomacy program, provide consular services to American citizens and visa services to citizens of Italy and other countries who wish to visit or who qualify to immigrate to the United States, and promote trade and investment between our two countries. They work with Italian counterparts to protect shared political, economic, and security interests.

The Offices of Public Affairs welcome public and press inquiries about every aspect of the United States and work to foster mutual understanding through exchanges of persons and ideas and by administering educational and cultural programs. The Information Resource Center in Rome provides reference and documentation services, using printed and electronic sources.

PREMI CLAB UNICA

 

PRIMO PREMIO € 7.000,00

Offerti da:

Fondazione di Sardegna

Banco di Sardegna

Secure solution

2 mesi di incubazione presso The Net Value

 

SECONDO PREMIO € 5.000,00

Offerti da:

Fondazione di Sardegna

Banco di Sardegna

 

TERZO PREMIO € 4.000,00

Offerti da:

Fondazione di Sardegna

Banco di Sardegna

 

PREMIO SPECIALE AMBASCIATA AMERICANA $ 2.500,00 US

(scelto dall’ambasciata tra i 5 finalisti)

 

 

Giuseppe Cuccurese

Con oltre quarant’anni di esperienza nel settore bancario è oggi Direttore Generale del Banco di Sardegna spa sin dal 2012.

 

Anna Amati

Fondatrice e Vice Presidente di Meta Group. Citata da Wired tra le dieci donne italiane più innovative del 2015 e vincitore del premio internazionale “techno-visionarie, sezione finanza 2016”. Da gennaio 2018 è uno dei cinque esperti valutatori italiani, tra gli 84 europei, del programma Horizon2020 SME Instrument phase 2.

 

Francesca Natali

Oltre 15 anni di esperienza nella gestione di fondi di capitale di rischio in Italia e all'estero, ha lavorato per la Commissione europea e altri importanti donatori internazionali (BEI) ed è oggi Fund Manager in Meta Venture spa.

 

Sara Lovato

Con una vasta esperienza nel campo delle startup, è stata capo dell'unità “Acceleration and Operation - Legal Affairs Unit” di una società di innovazione dedicata al trasferimento di tecnologia ed è oggi Investment Manager di United Ventures.

 

Nicola Redi

Uno dei venture capitalist più attivi in Italia è oggi Managing Partner di Venture Factory, responsabile del trasferimento tecnologico di investimenti in capitale di rischio.

 

Gianluca Dettori

Fondatore di dPixel e Presidente di Primomiglio SGR, società di venture capital tecnologico con all'attivo il fondo di early stage tecnologico Barcamper Ventures.

 

Carlo Mannoni

Membro del Consiglio per le Relazioni tra Italia e Stati Uniti – Young Leaders Program dal 1999 e del Marshall Memorial Fellowship Program dal 2005, è oggi Direttore Generale della Fondazione di Sardegna sin dal 2015.

 

Cristiana Vignoli

Oltre 20 anni di esperienza nel trasferimento tecnologico, oggi direttore dell’incubatore-acceleratore di Fondazione Golinelli, il G-factor.

 

Manuel Castriotta

Ricercatore all’Università degli Studi di Cagliari, la sua ricerca in ambito organizzativo e del management dell’innovazione si focalizza sulla creatività imprenditoriale, educazione all’imprenditorialità e sui processi di cognizione collettiva.

 

 

Aura nasce dall’unione tra Neuroscienze e Innovazione Tecnologica per la creazione di un dispositivo di stimolazione auricolare del nervo vago, in grado di trattare l’emicrania e gestire lo stress. Il Vagus è uno dei più importanti nervi del sistema nervoso autonomo e aiuta a regolare l’attività dei principali organi del nostro corpo. Aura è dotata di un generatore e speciali cuffie che emettono impercettibili impulsi elettrici che stimolano il nervo vago, in base ai bisogni della persona.

 

Federica Donno, CEO di Aura, è una Psicologa, PhD in Neuroscienze e ricercatrice all’Università di Cagliari. Gestisce la parte di validazione del prodotto e cura i rapporti lavoratori con i ricercatori che supportano il team, suddividendo le task per ogni componente del team.

Roberto Pianu, CTO della startup, è laureato in Ingegneria meccanica con specializzazione in controlli automatici e implementazione di algoritmi. All’interno di Aura si occupa dello sviluppo hardware e della gestione del progetto per la realizzazione del software.

Sara Cocco invece è la CMO di Aura. Laureata in Scienze della comunicazione, si occupa della parte comunicativa e grafica, ricoprendo un ruolo mediano tra i vari componenti del team.

Giovanni Granara infine è il CFO della startup. Studente di Economia e Gestione Aziendale all’Università di Cagliari, all’interno di Aura spende le competenze acquisite nell’ambito della ragioneria e dei numeri con i quali lavora.

Bfix vuole superare i limiti dell’odontoiatria moderna, grazie alla rigenerazione ossea magnetica. Propone infatti un kit personalizzato per la terapia della parodontite da fornire ai dentisti, composto da un gel a base di un bio-materiale brevettato, l’idrossiapatite magnetica, capace di accelerare la formazione di nuovo tessuto osseo, una mascherina dotata di magneti da applicare in prossimità della zona e un software di calcolo per determinare la posizione più efficace per i magneti.

 

Martina Portas, CEO di BFix, è una dentista specializzata. All’interno della startup si occupa del coordinamento dei processi produttivi e gestionali.

Diego Garau, CFO della startup e prossimo alla doppia laurea italo tedesca in Economia, dirige l’aspetto finanziario.

Rita Saiu, CPO, è studentessa di Ingegneria biomedica con un ruolo fondamentale all’interno della startup grazie alle sue competenze maturate attraverso lo studio dei materiali.

Matteo Francesco Manca infine futuro dentista è a capo della ricerca e sviluppo della startup.

Capaye è la prima Influencer TV al mondo. Nata per intrattenere la Generazione Z attraverso i suoi contenuti ricchi di messaggi positivi e motivazionali. Capaye crede nella forza dello storytelling, per connettere, affascinare e vendere. Produce contenuti originali in partnership con micro-influencer, distribuiti online settimanalmente per fidelizzare il pubblico, e con brand per promuovere i loro valori. Un nuovo modello di business di creativi e pubblicitari.

 

Lorenzo Melini, CEO della startup. Laurea triennale in Drama & Performance alla LSBU (Londra), si occupa delle attività di marketing e acquisizione clienti e sovrintende la direzione creativa.

Davide Carnevale è il COO di Capaye. Laurea magistrale in International Management (UniCa), si occupa della pianificazione strategica, delle attività finanziarie e di project management.

Mario Pace, CTO, Laurea triennale in Informatica (UniCa) si occupa della grafica e del dipartimento di Ricerca e Sviluppo.

Claint nasce agli inizi del 2020. L’idea di impresa si basa su un brevetto internazionale dell’Università di Cagliari, che consente la creazione di un composto fotocatalitico che riduce l’inquinamento indoor. Reso in forma di vernice Claint attiva un effetto di autopulizia e purificazione dell’aria sfruttando l’intero spettro luminoso, a differenza dei competitor che sfruttano solo la componente UV. L’obiettivo è quello di creare un prodotto innovativo che possa migliorare gli ambienti in cui viviamo.

 

Carlo Usai è il CEO della startup. Studente di Economia e Amministrazione aziendale, all’interno di Claint ricopre il ruolo di Project manager e responsabile dell’organizzazione operativa.

Sonia Cocco, CMO di Claint, è laureata in Management e Monitoraggio del Turismo Sostenibile. Si occupa delle analisi di mercato e della gestione dei social media, grazie all’esperienza maturata nel settore del marketing, dell’amministrazione e della contabilità.

Tommaso Murgia è CIO di Claint. Laureato in Scienze filosofiche, cura la parte grafica del sito web, gestisce il blog e tutte le informazioni legate all’ambito specifico del progetto.

Paolo Virdis è CLO della startup. Laureato in Giurisprudenza, si occupa degli aspetti legali della startup e non da ultimo gestisce le collaborazioni esterne.

Stefania Porcu infine è CTO della startup. Laureata in Scienze Chimiche e dottoranda in Fisica, è co-inventrice della tecnologia fotocatalitica utilizzata da Claint e responsabile delle attività di laboratorio.

Zoè è la startup che, basandosi sull’economia circolare, estrae carotenoidi dalla frutta in modo sostenibile.
Durante il processo non sono utilizzati solventi chimici e si ottengono tre molecole dall’elevata purezza in grandi quantità: luteina, capsantina e capsorubina. È già stato realizzato il prototipo a partire da peperoni invenduti, che sono stati così recuperati. Le applicazioni delle molecole spaziano dal campo nutraceutico, al farmaceutico, al cosmetico, nelle nanotecnologie, nell’alimentazione e nella mangimistica.

 

Irene Locci è la CEO di Zoè. Studia International Business and Management e si occupa di tutti gli aspetti finanziari ed economici del progetto.

Luca Iesu, COO, è uno studente di Biologia. Il suo ruolo all’interno della startup è fondamentale per le competenze acquisite nel campo dei vegetali. Ma inoltre grazie all’esperienza maturata nel settore del video making gioca una parte importante nell’ideazione e realizzazione della parte grafica del progetto.

Francesco Congiu è il Project Manager di Zoè. Studia Scienze politiche e all’interno della startup si occupa della parte comunicativa.

Marta Tanas, CTO della startup, studia biologia. Appassionata di fisiologia vegetale, è supervisor di tutte le attività, si occupa della parte tecnica del progetto e non da ultimo del sito web della startup.

PREMI ITALIAN CLAB NETWORK

 

PRIMO PREMIO € 2.000,00

Università degli Studi di Cagliari

IntendiMe/Venture Factor

 

PREMIO SPECIALE AMBASCIATA AMERICANA $ 2.500,00 US

(scelto dall’ambasciata tra i 3 finalisti)

 

 

Vladi Finotto, Ca’ Foscari CLab, Venezia

Delegato del rettore alla Proprietà intellettuale, autoimprenditorialità e trasferimento tecnologico presso l’università Ca’ Foscari di Venezia e co-direttore del Master in Cultura del Cibo e del Vino della Ca’ Foscari Challenge School.

 

Fabrizio Dughiero, C-Lab Veneto, Padova

Prorettore al trasferimento tecnologico ed ai rapporti con le imprese, presidente dell'incubatore di startup della Start Cube University, direttore di Startcup Veneto business plan competition e membro del board Netval.

 

Marcantonio Ruisi, CLab UniPa, Palermo

Delegato al coordinamento delle attività relative alla promozione di spin-off e startup innovative, Direttore del Contamination Lab UniPa e coordinatore nel 2019 di Start Cup Palermo e Sicilia.

 

Lucia Giacchetti, CLab UNIVPM, Ancona

Responsabile dell’Ufficio Placement e orientamento al lavoro e dell’Ufficio Trasferimento Tecnologico e Job Placement dell’Università Politecnica delle Marche.

 

Athos Capriotti, CLab UniTe, Teramo

Project Manager del Contamination Lab di Teramo e ricercatore senior presso l'Innovation Center di Intesa Sanpaolo, Neuroscience Lab.

 

Marta Pellegrino, CLab Unimore, Modena e Reggio Emilia

Project Manager del progetto TACC - Training for Automotive Companies Creation dell’Università di Modena e Reggio Emilia e consulente per la comunicazione del Contamination Lab Unimore.

 

Marco Galvagno, CLab Catania, Catania

Formatore e consulente in ambito marketing e start-up, responsabile del Contamination Lab Catania.

 

Andrea Luca Attanasio, CLab UniCaLab, Rende

Responsabile Liaison Office dell’Università della Calabria e Project Manager dell’UniCaLab.

 

Michela Loi, CLab UniCa, Cagliari

Ricercatrice dell’Università degli Studi di Cagliari, con focus sull'apprendimento organizzativo, l'organizzazione imprenditoriale, la creazione di nuova impresa e sulla relazione individuo-contesto nella generazione di cambiamento e innovazione.

 

Francesca Maria Cesaroni, UniUrb Lab, Urbino

Responsabile scientifico del CLab Uniurb e Direttore Scientifico del CRIMPI (Centro di Ricerca su Imprenditorialità e Piccole-Medie imprese) dell’Università di Urbino. Vice Presidente italiano dello European Council of Small Business and Entrepreneurship (ECSB).

 

Mario Salerno, HC.LAB, Bergamo

Project Manager dell’HC.LAB di Bergamo.

 

Adriano Marconetto, CLab Torino, Torino

Imprenditore seriale, CEO e Co founder di YAR srl.

 

Claudio Garavelli, DigiLab, Bari

Professore di Finanza, Controllo di Gestione e Business planning presso il Politecnico di Bari, è il direttore di Digilab, co-fondatore di Ingenium srl.

 

Claudio De Capua, CLab Reggio Calabria, Reggio Calabria

Responsabile Scientifico del Contamination Lab Reggio Calabria.

 

ITA

Le numerose agenzie del governo degli Stati Uniti che costituiscono la Missione lavorano in team per promuovere gli interessi americani e per promuovere le relazioni tra il governo e il popolo americano e italiano. Danno forma e intrattengono le relazioni americane con l'Italia, hanno un programma di diplomazia pubblica attivo, forniscono servizi consolari ai cittadini americani e servizi di visto a cittadini italiani e di altri paesi che desiderano visitare o emigrare negli Stati Uniti, infine promuovono il commercio e investimenti tra i nostri due paesi. Lavorano con la controparte italiana per proteggere interessi politici, economici e di sicurezza condivisi.

 

Gli Uffici degli Affari Pubblici accolgono le richieste del pubblico e della stampa su ogni aspetto degli Stati Uniti e lavorano per favorire la comprensione reciproca attraverso scambi di persone e idee e amministrando programmi educativi e culturali. Il Centro risorse informative di Roma fornisce servizi di riferimento e documentazione, utilizzando fonti stampate ed elettroniche.

ENG

The many agencies of the United States Government that constitute the Mission work as a team to advance American interests and promote relations between the American and Italian government and people. They shape and carry out American relations with Italy, have an active public diplomacy program, provide consular services to American citizens and visa services to citizens of Italy and other countries who wish to visit or who qualify to immigrate to the United States, and promote trade and investment between our two countries. They work with Italian counterparts to protect shared political, economic, and security interests.

The Offices of Public Affairs welcome public and press inquiries about every aspect of the United States and work to foster mutual understanding through exchanges of persons and ideas and by administering educational and cultural programs. The Information Resource Center in Rome provides reference and documentation services, using printed and electronic sources.